"Toronto Bridge" è il termine che indica una procedura implantoprotesica che, attraverso l'inserimento endosseo di un minimo di quattro impianti all'arcata superiore o a quella inferiore (tecnica conosciuta anche col termine di "all on four"), consente il posizionamento di una protesi avvitata che garantisce al paziente una stabilità, ed un comfort simile a quello dei propri denti naturali. Dopo aver eseguito gli esami diagnostici di routine, come ad esempio una tac, si costruisce mediante un appostio software, una maschierina che guida l'operatore nell'inserimento degli impianti (cd. chirurgia guidata). Questi possono essere posizionati in modalità "flapless" ossia senza effettuare incisioni ai tessuti, o contestualmente all'estrazione di un elemento dentario (cd. chirurgia post-estrattiva a carico immediato) ed in cui l'impianto viene posizionato direttamente nell'alveolo dentario.
Attraverso l'utilizzo di perni provvisori avvitati agli impianti appena inseriti, il paziente viene provvisto di una protesi provvisoria, precedentemente preparata in laboratorio e che serve, oltre a recuperare l'estetica e la funzione masticatoria, anche alla guarigione dei tessuti sottostanti.
Dopo circa 4/6 mesi si passa alla fase conclusiva, ossia alla costruzione della protesi Tortonto Bridge definitiva. Quest'ultima viene realizzata dopo aver acquisito un'impronta di precisione: si costruisce dapprima una struttura portante in metallo, oppure titanio o zirconio, sulla quale verrano poi modellati gli elementi dentari definitivi, in resina oppure in ceramica.

Il nostro punto di forza è stata sempre la ricerca dell'innovazione partendo dalle tecniche tradizionali per produrre protesi in resina acrilica oppure metallo ceramica, alle attuali sistematiche digitali CAD/CAM che ci hanno aperto un mondo nuovo nell'utilizzo di materiali quali Zirconio, Fibra di Vetro, PMMA, Metalli Laser-Melting, Titanio, Disilicato di Litio, impossibili da lavorare prima dell'avento di scanner digitali 3D e macchine fresatrici computerizzate che oltre a permettere l'utilizzo di questi materiali riducono a zero errori possibil nei vari passaggi che un tempo si effettuavano solo manualmente. Il tutto rivolto all'unico scopo di consegnare al paziente una protesi estetica, funzionale e biocompatibile, prodotta sempre con materiali e tecnologie di ultima generazione.