Odontostomatologia laser assistita e chirurgia maxillo-facciale

Il termine "LASER" è l'acronimo di "Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation". Si tratta pertanto di una luce amplificata attraverso l'emissione stimolata di una radiazione.
A differenza della luce ordinaria, la luce laser è una luce monocromatica (un solo colore), coerente (le onde non viaggiano disordinatamente, ma rimangono nella stessa fase), collimata (l'energia in un fascio) e unidirezionale. Queste caratteristiche, così come i suoi effetti sui tessuti, fanno del laser uno strumento di assoluta precisione specie in campo chirurgico: selettività nell'incisione, rapidità di esecuzione, controllo del sanguinamento, biostimolazione dei processi riparativi, controllo del dolore e dell'edema post-operatorio. Non da ultimo il ridotto utilizzo di anestetico.

 Troviamo, inoltre, valido utilizzo del raggio laser anche in parodontologia, conservativa, endodonzia, in protesi, nelle procedure di sbiancamento, in medicina e patologia orale.